BOCCELLA RASOTT 2010 Irpinia Campi Taurasini Visualizza ingrandito

BOCCELLA RASOTT 2010 Irpinia Campi Taurasini

Nuovo prodotto

Castelfranci si trova sulla sponda sinistra del fiume Calore, accanto al comune di Paternopoli e di rimpetto a quello di Montemarano, che invece giace....

Maggiori dettagli

Questo prodotto non è più disponibile

18,00 € tasse incl.

Dettagli

Castelfranci si trova sulla sponda sinistra del fiume Calore, accanto al comune di Paternopoli e di rimpetto a quello di Montemarano, che invece giace sulla sponda opposta dello stesso fiume. Questi tre comuni, con le loro migliori vigne, forniscono le uve di base per quelli che vengono considerati alcuni tra i più tipici Taurasi di sempre e tra i migliori vini rossi italiani degli ultimi anni.

Alla cima del Villaggio S.Eustachio a quasi 600 metri di altitudine, la famiglia Boccella lavora alle vigne ed ai vini, innamorati dell’aglianico che qui, da vigne di quasi 50 anni, riescono a produrre così tipico e personale al tempo stesso. È come se la forza balsamica di questi vini venisse direttamente dall’algido rigore delle alture irpine, dai boschi che ancora e per fortuna si scorgono ad ogni passo. Raffaele e Giovanni, Angela e Lucia, due fratelli e due sorelle, continuano il lavoro del fondatore Giuseppe con la curiosità di capire sempre di più della loro terra, del loro vitigno principe, dei loro vini.

L’Aglianico appena sotto il Taurasi. La vigna che si trova sotto le nostre cantine, appena sotto le nostre case, rasott. La vigna che dà vita, con le sue piante più vecchie, al nostro vino di punta, il Taurasi, contribuisce insieme al nostro lavoro a dare al Rasott l’eleganza di un vino di alta collina, espressione della nostra viticoltura a misura d’uomo. Questo Aglianico, fermentato in acciaio per 15 giorni e senza particolari interventi tecnologici, è stato in parte affinato in barili di rovere e poi imbottigliato senza filtrazioni né chiarifiche.

E' dal 2010, anno della mia prima visita dai Boccella, che seguo l'evoluzione dei loro vini, lassaggio di questo Rasott 2010 è stato un colpo al cuore, un Aglianico autentico, un tuffo nel passato.

Consiglio questo vino agli amanti del Neorealismo italiano.