PRINCIPIANO FERDINANDO MAGNUM BAROLO BOSCARETO 2006 Visualizza ingrandito

PRINCIPIANO FERDINANDO MAGNUM BAROLO BOSCARETO 2006

Nuovo prodotto

La famigli Principiano è , sin dagli del '900 dedita alla viticoltura ed è da generazioni proprietaria di sei- sette ettari di vigna. La cantina vera e propria è sorta negli anni '50 per mano do Americo Principiano mentre dal 1993 è il figlio Ferdinando a occuparsi , con la sempre preziosa esperienza del padre, nel lavoro della vigna , della vinificazione...

Maggiori dettagli

1 Articolo

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

120,00 € tasse incl.

Dettagli

La famigli Principiano è , sin dagli del '900 dedita alla viticoltura ed è da generazioni proprietaria di sei- sette ettari di vigna. La cantina vera e propria è sorta negli anni '50 per mano do Americo Principiano mentre dal 1993 è il figlio Ferdinando a occuparsi , con la sempre preziosa esperienza del padre, nel lavoro della vigna , della vinificazione.

Il Cru Bosco Areto o Boscareto un tempo era un folto bosco, pascoli e vigne come era l'economia mista di allora in langa.

Con la valorizzazione del vino, la cascina Areto una volta immersa nel "Bosco" oggi è dominata da una grande estensione di viti; ma la parte della collina ben esposta a mezzogiorno, dove già allora si trovavano Nebbioli e Barbere, continua a rimanere zona dalle grandi caratteristiche qualitative. sono circa 12 ettari in totale che si sviluppano in direzione sud e ovest rispetto alla cascina e che confinano con il vigneto Francia e la strada provinciale di Roddino. Di fronte a Bosco Areto, sul versante monfortese, si trova la zona delle Ginestre; ma, più in generale, da questo punto di osservazione si possono ammirare i migliori Cru di Monforte. Storicamente la lunga striscia vitata posto la zona Francia appartiene ancora al Boscoareto; ed è proprio in questa zona che Ferdinando Principiano raccoglie le sue uve.

Ferdinando circa dieci anni fa ha deciso di smettere di produrre vino seguendo logiche del mercato e incominciare a farlo seguendo il suo intuito e la conoscenza.

La scelta di non usare nessuna chimica in vigna e in cantina lo ha portato oggi a produrre dei vini di straripante qualità che ti inchiodano  alla sedia,ti meravigliano e ti spingono ad amare sempre di più il Nebbiolo, proprio come questo Boscoareto 2006.

 

 

 

Caratteristiche organolettiche:

colore granato classico,sfoggia un naso articolato di superba finezza; è complesso note minerali, sentori salmastri, mora,ciliegia, rosa, viola,liquirizia ada ogni minuto o ora cambia ed emoziona. In bocca è ricco di struttura ma da la ammaliante eleganza,intenso e grandissimo finale da la lunga persistenza.

Ferdinando ha voluto aspettare ad uscire con questo vino, ma ne è valsa la pena, un Nebbiolo per appassionati e veri amanti del Barolo Classico.

60 giorni di macerazione,, 36 mesi di botte grande, 2 anni di bottiglia.

Chapeau Ferdinando! 

 

 

Servizio e conservazione:

servire in ampi calici, aprire almeno un'ora prima, da bere con calma in un lungo e conviviale pranzo, conservare in un luogo fresco e buio,oggi già è grande ma  se il mio istinto non mi inganna questo vino darà delle stupende sorprese in futuro.

Con piatti di selvaggina da piuma o semplicemente con grandi formaggi stagionati e una bella compagnia di appassionati.